Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

SAN GREGORIO Vs. SANT’ILARIO 2-10

Clima tropicale ed atmosfera inebriante, dai forti odori esotici. I nostri Under 9 vanno in scena per la prima partita del torneo primaverile nientepopodimeno che a Trezzano sul Naviglio. Ad ospitarli è lo stadio Comunale del San Gregorio, gremito di tifosi in ogni ordine di posto. In una situazione già di per sè surreale va ad aggiungersi, all’avvicinarsi al campo da gioco, tale visione paradisiaca per ogni provetto calciatore che si rispetti: un rettangolo aureo disegnato per terra, porte perfettamente proporzionate al millimetro con tutto cio’ che le circonda e, dulcis in fundo, un prato verde garden cortesemente rubato da un giardinetto di un simpatico inglesotto di Cambridge centro. WOW ! Diciamo così che il San Gregorio, simpaticissima compagine (alla quale vanno i miei più sentiti complimenti per simpatia, ma soprattutto per la correttezza dimostrata da allenatori, giocatori e arbitro) il suo l’ha messo. Ora tocca ai nostri.

Il Sant’Ilario oggi purtroppo non puo’ contare sull’apporto di Tommy, ma, oltre a quello dei soliti fedelissimi, puo’ affidarsi all’aiuto dei nuovi acquisti: tali Andrea e Daniele, subito entrati alla grande in squadra.

Al gol da paura di Adriano, giunto con la palla sulla riga di porta dopo un’ottima triangolazione con Gabriele, segue il fischio iniziale. O il contrario. La cosa è ancora tutta da verificare. Comunque sia, inizio di gara in netta discesa. Tutti gli Under per una volta si svestono i panni da leoncino per indossare quelli da cerbiatto nano, iniziando così a sgambettare su e giù instancabilmente per il campo, senza far capire un gran che agli avversari. Unica nota fuori posto del primo tempo è il momentaneo fastidio alla spalla che costringe Gabriele ad uscire dal campo e al mister di andare alla disperata ricerca del sostituto Francesco, salvo scoprire solo dopo qualche secondo che quest’ultimo era proprio lì, sotto di lui, già pronto ad entrare, proprio come i grandi campioni: da queste parti non si scherza. Il secondo tempo continua sulla falsa riga del primo, salvo qualche dormita specie in fase difensiva, dovuta certamente alla stanchezza primaverile, e il terzo tempo può chiudere una partita senza storia, ma molto molto divertente, credo per tutti. E questo mi sembra il primo e minimo obiettivo da perseguire e raggiungere sempre. I nostri Under hanno giocato tutti e, come al solito, ce l’hanno messa tutta, compreso i due nuovi arruolati, che hanno dato un’ottima dimostrazione di aver capito come funziona il tutto. Si sono visibilmente divertiti aiutandosi, passandosi la palla, esultando abbracciandosi: giocando insieme. Gli avversari, nonostante una brutta sconfitta sulla carta, hanno fatto del loro meglio e sono stati giustamente ripagati da due gol. Il mio staff, così come i nostri irriducibili tifosi, hanno assistito ad una partita piena di gioia e di emozioni (tutte positive per fortuna…o merito). Per quanto riguarda me, sono più che soddisfatto, non tanto per il risultato, che è stato chiaramente influenzato dalla superiore bravura dei nostri, ma piuttosto per l’atteggiamento e per quel “gruppo” che si comincia a intravedere, base fondamentale per futuri buoni propositi.

Parlare in questo modo dopo una partita così è troppo facile, ma la colpa è tutta dei giornalisti che mi riempiono sempre di domande.
Un saluto e ancora grandi complimenti a tutta la squadra, non mollate e continuate così !
Matteo