Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

SE NON GIRA….NON GIRA!  5a PUNTATA.

Sabato 1 dicembre 2012, si è disputata la prima partita di ritorno del campionato invernale presso la stazione termale della Polisportiva San Luigi Bruzzano, i nostri grandi ragazzi si sono dedicati ai fanghi ed alle abluzioni, peccato che la serata sia stata fredda e piovosa e la piscina con i fanghi …. Ops… scusate, il rettangolo di gioco fosse al limite della impraticabilità, acqua fredda e sporca, certo non solo per noi ma anche per i nostri avversari che comunque ritengo siano più avvezzi all’utilizzo delle loro terme… pardon, del loro campo.

E infatti si vede subito al primo minuto di giuoco, palla che raggiunge la nostra area, i nostri difensori aspettano che arrivi tra i loro piedi e invece eccola, beffarda fermarsi nei fanghi per le abluzioni dell’area di rigore, fanghi rivitalizzanti per l’attaccante avversario che con una vigorosa bracciata… emm, scatto, brucia tutti e porta in vantaggio la sua squadra.

Si riparte, i nostri ragazzi hanno qualche difficoltà a reggersi in piedi, mentre agli avversari sembra che tutto gli riesca e infatti ci infilano per la seconda volta in pochi minuti, la pioggia aumenta l’acqua sale, il fango pure e che diamine! se non gira… non gira.

Ci tuffiamo, si comincia a nuotare… scusate.. a correre e prendere le adeguate misure della piscina….cioè… del campo… No, …forse era proprio un piscina con fanghi termali…. no …no era un campo… forse.

Malgrado tutti gli sforzi dei nostri grandi ragazzi terminiamo il tempo in svantaggio.

Si riparte per la seconda frazione di giuoco, gli atleti di entrambe le compagini iniziano a prendere una colorazione sul brunito…. o forse era nero…. no, no è proprio fango, fango di terme.

L’impegno aumenta, assediamo l’area avversaria, nuotiamo freneticamente verso la porta, sbagliamo molto e finalmente arriva la rete del piccolo Niccolò, mai domo, sempre più nero di fango, sempre grande, la rete che ci rimette in corsa per raddrizzare la gara.

Termina il secondo tempo con il risultato invariato, l’unica variazione è il colore delle divise dei giocatori, gli avversari sempre più scuri i nostri sempre più color rosso scuro… ma non scuro… un rosso fango… ma…. esiste il rosso fango????, penso di no, è il rosso fango terme, il rosso della fatica, il rosso della rabbia, il rosso del “se non… gira non gira!”

Terzo tempo, spingiamo, scivoliamo sempre più frequentemente verso la zona termale avversaria…. forse era l’area avversaria…. forse era proprio un’area di rigore, non ne sono sicuro… ma non riusciamo ad inquadrare la porta avversaria, il fango non aiuta, gli avversari tentano frequenti sortite in contropiede verso la nostra porta dove trovano il nostro insuperabile baluardo Filippo detto Pippo, sempre preciso, sempre pronto, sempre più rosso fango.

Sentivamo il pareggio vicino, i nostri avversari sempre più neri, nero fango, sembravano vicini a cedere ai nostri assalti, me ecco il contropiede, la palla nuovamente beffarda si ferma sul fango termale nei pressi della nostra area, il nostro portierone Gabriele, dalla divisa sempre più fango, sempre più inzuppata, riesce con rapida scivolata a raggiunge la palla e respinge, ma la sfortuna continua, la palla raggiunge un avversario che con un tiro angolato ci infila nuovamente.

E che diamine, se non gira…. non gira!

I nostri ragazzi non si danno per vinti, continuiamo a spingere a nuotare a raccogliere fango, ma non basta: arriva il fischio finale, la fine delle abluzioni e dei fanghi termali, il momento di ripetere, E SE NON GIRA …. NON GIRA!

Pazienza, i nostri grandi ragazzi sono stati molto bravi, mai domi, bravi anche i nostri avversari che sono stati concreti, un grazie alla società delle terme del San Luigi Bruzzano per l’abbondante merenda offerta a tutti gli atleti a fine gara.

Ci riproveremo a sconfiggere la maledizione del “se non … gira non gira” il 16 dicembre nella partita di recupero presso le terme dello STELLA AZZURRA 56/B, l’ultima volta che abbiamo visto il loro campo sembrava decisamente una piscina termale.

Ciao     REMO