Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

S.ILARIO  Vs.  JUVENILIA

Domenica 12 maggio 2013 va in scena al Sant’Ilarium Stadium la partita più attesa di questo Campionato Primaverile. Dopo la combattutissima sfida d’andata, nella quale i nostri leoncini non hanno semplicemente vinto, ma giocato alla grande, ora è il momento di riconfermarsi. Nonostante le assenze di Adriano e Riccardino Barri e nonostante sia Francesco che Alessio siano appena rientranti dal malessere che non ha potuto fargli disputare la partita di due giorni prima, i nostri Under 10 sono motivati a ripetersi. L’atteggiamento positivo, come ormai è solito da parte di questa squadra, si vede già negli spogliatoi. Ognuno di loro è attento ad ogni singola indicazione e non esita a chiedere precisazioni. Quindi inizia la partita.

Alessandro: la prestazione opaca di Venerdì è già alle spalle. Oggi non sbaglia un colpo. La sua bravura e le sue parate trasmettono sicurezza a tutta la squadra. Ciò risulta fondamentale, specie nel primo tempo, quando gli avversari ci schiacciano a tratti nella nostra tre quarti. Nonostante tutto non si fa intimidire dalla situazione e non rinunicia a far partire l’azione con un’alta percentuale di rinvii andati a buon fine. Resta da velocizzarsi, ma l’atteggiamento è quello giusto.

Pietro: l’unica sbavatura è quel colpo da pallavolista bruciato, per il resto è sempre attento e preciso. Sia in marcatura sia in fase di gioco, pronto a chiudere il tiro agli avversari e ad anticiparli. Rispetto al solito gioca meno palla al piede, ma è la partita che non glielo concede. Con lui si va spesso sul sicuro.

Marco: come possa esserci tanta potenza in una gambetta così è difficile da capire. E’ invece molto facile, almeno da parte mia, capire che quando entra in campo cerca di applicare ogni indicazione datagli. Si fa vedere per iniziare l’azione, a volte sbaglia, altre volte esce addirittura in dribbling. Corre avanti per attaccare, corre indietro per difendere. Forse un po’ troppo frettoloso con la palla tra i piedi. Il gol è un vero capolavoro.

Alessio: nonostante la posizione quasi inedita si comporta bene, soprattutto in fase difensiva. Rimane un po’ fuori dal gioco, probabilmente perchè poco supportato. Quando però è lui che deve far partire l’azione la palla arriva molto facilmente in avanti per la punta. Prezioso in fase di marcatura su ogni tipo di palla inattiva, anche lui attento e preciso.

Andrea: i miglioramenti negli allenamenti, specie dal punto di vista dell’impegno, si riflettono in campo. Basti dire che oltre ad attaccare torna sempre anche in difesa, dando la mano che serve. Bravo nell’anticipo, nei contrasti e a interrompere le azioni avversarie. Sempre pronto a marcare l’uomo. In fase offensiva è un pò impreciso, ma sempre propositivo. E’ quello che serve.

Vasco: sblocca il risultato nel primo tempo, nella fase più complicata della partita. Dà una mano a tutti, in attacco e in difesa. Marca, corre, fa girare la palla, si fa vedere. Poco da aggiungere: è il nostro capitano.

Nico: come al solito si dà un gan da fare. Pressa chiunque nella metà campo avversaria e quando c’è bisogno torna anche in difesa. La sua forza fisica permette, specie nel primo tempo, di trattenere un po’ la palla in avanti e far salire i compagni. Oggi viene poco servito in area e anche per questo gli manca il gol, ma l’impegno dimostrato nel seguire le indicazioni del sottocritto è evidente e più che apprezzabile.

Tommy: che lui non sia un portiere (e non perchè non sia bravo in porta) non mi è mai sfuggito e oggi ne ho avuto un’ulteriore conferma e non solo per la tripletta (ebbene sì, ha fatto tripletta). Un po’ sacrificato là sulla sinistra si è comportato alla grande. Corsa, quantità e anche qualità, grazie a qualche bel passaggio. Quando rinuncia a divertirsi nell’alzare campanili insensati, come oggi, è molto bravo.

Francy: si vede poco, ma quando si vede incide. Prima l’assist intelligente che libera il tiro a Tommy, poi l’inserimento su cross da destra per un gol al volo davvero notevole. Anche lui come il suo compagno di reparto, pressa tutti e dà una mano in fase di non possesso palla. Quello che Cassano definirebbe un soldatino.

Ricky: ottima prova anche per lui, oggi in un ruolo del tutto inedito, sulla destra, ma nel quale riesce molto bene e anzi, che lo aiuta a tirare fuori un po’ di personalità. Quando Alessandro gli serve palla al limite dell’area azzarda spesso il dribbling che puntualmente gli riesce. Un po’ impreciso in certi passaggi, decisivo appena ha qualche centimetro in più di spazio. Ottimale l’assist per Francy eseguito dopo una triangolazione millimetrica con Vasco.

Alby e Dany: prestazione analoga quella dei due difensori costretti per tutto il secondo e il terzo tempo ad accoccolarsi sugli attaccanti avversari che decidono di piantarsi davanti al portiere per dare fastidio. Partita difficile quindi per loro, costretti dietro, sempre lontani dal gioco e più volte costretti a dover prendere decisioni importanti in poche frazioni di secondo, anche se non sempre giuste. Bene Dany negli anticipi, bene Alby nel restare calmo quando c’è da giocare la palla.

Nel complesso è stata una grandissima partita, contro una squadra forte, nella quale i nostri leoncini si sono sacrificati gli uni per gli altri, hanno saputo difendersi, soffrire e non rinunciare mai al loro gioco, che li ha portati a fare anche grandi azioni. Il risultato di 6-1 forse è un po’ pesante per gli avversari, ma evidenzia tutta la bravura dei leoncini. Ennesima prestazione degna di questa squadra. BRAVI!

Matteo