Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

TRIESTINA  Vs.  S.ILARIO  4-2

Insomma il 4-2 è un risultato giusto per come sono andate le cose. Ai nostri leoncini oggi è mancato qualcosa. Sarebbe bastato poco di più di quello che hanno messo in campo. La Triestina è una buona squadra, senza comunque essere qualcosa di straordinario, e si era visto già nella precedente partita. Allora il 3-1 era stato ancor più giusto, perchè i nostri leoncini proprio non c’erano, avendo disputato una delle peggiori prestazioni di sempre, se non la peggiore. Oggi, dopo un po’ di tempo, era l’occasione di far vedere i progressi. Invece niente. Nel senso: non che i progressi siano mancati, anzi. Niente nel senso che anche oggi…niente. Eppure sarebbe bastato poco: un po’ più di precisione, concentrazione, lucidità. Fate voi. Nonostante le assenze di Adri, Pietro, Ricky, Tommy e Vasco, che certo non hanno aiutato, la nostra squadra ha avuto la possibilità di dimostrare di stare in piedi lo stesso, peccato non averla sfruttata fino in fondo. Troppe le sbavature difensive: con l’attaccante avversario spesso tenuto in fuorigioco, cosa sconveniente in questo sport, con l’autogol dopo pochi secondi, dovuto alla fretta di fare…?, con l’autoassist, perchè un solo semplice autogol era troppo poco, che serve con un passaggio filtrante la punta avversaria al limite della nostra area un pallone da buttare in rete facile facile. Troppe le sbavature nella fase di finalizzazione. Le occasioni non ci sono mancate, anche da posizioni molto vantaggiose. Ma niente, molti tiri storti, qualcuno buono, solo due in gol. Troppe le sbavature in mezzo al campo, dove non c’è quasi mai stata la volontà di sfruttare gli immensi spazi. E poi fermi, poco propositivi, lenti nel far riprendere il gioco. Peccato, perchè un risultato diverso sarebbe stato molto importante, soprattutto per il morale. Solo poco di più avrebbe dimostrato fino in fondo ai leoncini che la squadra c’è, a prescindere da tutto. Comunque sia andata, in questi due anni questa squadra ha dovuto fare più volte i conti con assenze di ogni tipo, compresa quella del sottocritto, nonchè allenatore, e ne è uscita sempre in piedi, quando non alla grande. La partita di oggi era l’ideale per confermarlo, perchè c’erano davvero tutti i presupposti. Peccato per quel qualcosa che non si è tirato fuori. Peccato non aver sfruttato l’occasione. Ma c’è ancora tempo.

Matteo