Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

CHI LA DURA… LA VINCE!
S.LUIGI BOVISA – S.ILARIO   2-4
Domenica 17 novembre 2013

Eh sì… Chi la dura la vince! E’ questo che il nostro mister Gaetano aveva sicuramente in mente oggi nello spogliatoio mentre organizzava i nostri ragazzi per affrontare una partita che sulla carta si presentava difficile, contro una formazione che non aveva ancora perso nessuna gara. Non aveva dubbi che il lavoro svolto durante gli allenamenti avrebbe prima o poi premiato gli sforzi dei nostri ragazzi. Già nello spogliatoio l’aria era effervescente, tutti erano concentrati, attenti alle indicazioni del mister, i ranghi purtroppo non erano al completo mancavano Simone e Niccolò R. e io, come al solito, sono sempre sulle spine… spero sempre di vedere i nostri piccoli atleti uscire dal campo vincenti, almeno per una volta.

Si entra in campo, fondo poco definibile, forse terra – forse – terra grigia tipo cemento che si attacca alle suole delle scarpe e non solo, superficie irregolare con sali scendi e sassi ovunque. Un po’ ci preoccupa questo tipo di terreno dove i nostri ragazzi non hanno mai giocato e sul quale non hanno particolare confidenza.

Partiamo e subito arriva la doccia fredda: i nostri avversari, su distrazione della nostra difesa ci colpiscono a freddo a pochi secondi del calcio di avvio. I fantasmi di una ulteriore sconfitta cominciano ad aleggiare nella mia mente ma i ragazzi non si perdono di animo e spingono con veemenza nella metà campo avversaria fino a che, dopo pochi minuti, raggiungiamo il meritato pareggio con Niccolò P. con il solito tocco di tacco che oramai possiamo definire “il tacco di Sant’Ilario”.
Giochiamo bene tutto il primo tempo senza grandi difficoltà e finalmente arriva la rete del vantaggio grazie a Giuseppe, grazie alla volontà di tutti i nostri ragazzi di non mollare e di essere sempre concentrati, presenti e concreti .

Secondo tempo: si comincia con piccole variazioni nell’organico e giochiamo in modo quasi perfetto. Costringiamo spesso i nostri avversari nella loro metà campo, la difesa si comporta in modo egregio non concedendo agli avversari chiare occasioni da rete. La seconda frazione di gioco sta per terminare ed ecco la rete del piccolo Filippo che su lancio di Giuseppe con un tocco beffardo ci consente di incrementare il vantaggio.

Riparte il gioco, gli avversari spingono ma la nostra difesa regge bene, il tempo sta per terminare, ma inaspettatamente il Direttore di Gara comunica tre minuti di recupero, rimaniamo perplessi, ed eccola la distrazione che consente il pareggio degli avversari negli inesistenti minuti di recupero, negli inutili minuti di recupero, in quei minuti di recupero cercati, forzati, e non dico altro. E la conferma la percepisco alla fine del secondo tempo, chiedendo delucidazioni al Direttore di Gara che in merito alla durata dei tempi di giuoco fornisce delle interpretazioni molto personali… Tralascio il mio pensiero.

Terzo tempo, giochiamo bene, la difesa con l’ingresso di Alberto Cas. si dimostra ancora più impenetrabile sebbene la squadra avversaria ci dia ancora qualche brivido quando riesce a presentarsi nella nostra area ma il nostro portiere si dimostra sempre concentrato e attento. Ma ecco che arriva anche il gol della sicurezza, grazie a Lorenzo con un colpo da vero campioncino che sorvola il portiere e si infila in rete. I nostri ragazzi esultano, io ho le spine sotto i piedi e non aspetto altro che il fischio finale ma c’è tempo ancora per legittimare la nostra superiorità: su lungo lancio del nostro portiere, Lorenzo si trova solo davanti al portiere avversario, purtroppo è mancato quel pizzico di lucidità che la foga impedisce di avere… ma ci può stare, l’importante è esserci per provarci. E finalmente arriva il fischio finale, finalmente arriva la prima nostra vittoria, meritata vittoria, bravi comunque i nostri avversari anche loro a ranghi incompleti, grazie alla società che ci ha ospitato e fornito ai nostri ragazzi la succulenta merenda del quarto tempo, finalmente un giornata da ricordare con piacere da gustare fino alla prossima vittoria.

Ciao.    REMO