Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

NABOR 2003 – S.ILARIO   6-1

Si chiude con un’altra pesante sconfitta il girone d’andata del Campionato Invernale. I padroni di casa della Nabor dopo la vittoria per 1-0 contro la S. Luigi Bovisa si sono imposti per 6-1 e ci lasciano così con soli sei punti in classifica.

Il primo tempo dei nostri leoncini è stato però esaltante e praticamente perfetto. Così come mi è sembrato giusto criticare prestazioni, impegno e concentrazione viste in molte delle partite passate, oggi è più che giusto mettere in risalto tutto (e sottolineo tutto) quello che i leoncini hanno fatto vedere nei primi quindici minuti. In questo arco di tempo la squadra si comporta alla grande. La squadra ha espresso un gioco che raramente si è visto fare ad altri in questi anni, anche se ovviamente continua a mancargli qualcosa pure in questi minuti. Concede il giusto agli avversari, riparte velocemente e crea molte occasioni da gol. Pronti via Ricky controlla sulla tre quarti un passaggio verticale, di tacco allarga sulla destra per il sopraggiungente Francy che può andare quindi al cross. Poi Ricky e Andre si liberano bene per andare al tiro, il primo ci prova con un pallonetto che esce di poco, il secondo non angola abbastanza. Nel frattempo la Nabor crea occasioni e fa comunque il suo gioco: dove non riescono a chiudere i difensori (bene soprattutto Giulio che in questi quindici minuti non sbaglia niente) ci pensa uno strepitoso Ale, che para anche l’aria e fa sempre partire rapidamente l’azione. Barri sgambetta su e giù per la fascia rendendosi più volte pericoloso in attacco e provando qualche cambio di gioco, anche se un po’ troppo spesso manca di lucidità. I movimenti sui calci d’angolo funzionano: Barri mette al centro, Andre si inserisce col tempo giusto, il portiere respinge corto e Francy è lì pronto per l’1-0. Prima del fischio abbiamo almeno una importantissima occasione per il raddoppio. Una ripartenza ci consente un contropiede tre contro due: Ricky porta palla centralmente, aspetta il movimento degli esterni che puntualmente arrivano; Francy si fa vedere bene sulla destra, ma l’esecuzione del passaggio non è delle migliori. L’intenzione è comunque giusta. Questi quindici minuti sono quindi da incorniciare. La squadra è parsa concentrata in tutte le zone del campo, si è visto il giusto impegno e la voglia di provare a dare fastidio a una squadra molto più avanti di noi in classifica. All’inzio del secondo tempo ci si accorge però subito che la strada si mette in salita. La Nabor pressa con maggiore forza e convinzione. Noi proviamo a fare il nostro gioco ma non riusciamo più a portare il pallone molto oltre la metà campo e raramente riusciamo a far salire la squadra. Gli avversari trovano abbastanza presto il pareggio e non tardano a portarsi in vantaggio. Riusciamo ancora a difenderci dagli attacchi della Nabor, ma facciamo molta fatica a creare occasioni. Il secondo tempo si chiude quindi 2-1. Ad inizio terzo tempo il 3-1 arriva grazie ad un tiro deviato che spiazza completamente Ale. Da qui la squadra comincia il suo definitivo tracollo. Nessuno gioca più tranquillo e si incominciano così a vedere grandi strafalcioni, soprattutto in difesa, che portano la Nabor a dilagare. Noi avremo ancora qualche occasione in avanti, ma nessuna viene adeguatamente sfruttata o per errore di scelta o per errore di esecuzione (leggi: passaggi a due all’ora). La partita finisce 6-1. La Nabor si è mostrata un’ottima squadra più che per il gioco per le qualità tecniche di quasi tutti i suoi componenti che hanno fatto inevitabilmente la differenza. In più erano sicuramente ben messi in campo e spesso più forti fisicamente.

Resta quindi l’ottimo primo tempo e qualcosina del secondo. Ovviamente non possiamo dirci che se avessimo giocato così tutta la partita avremmo vinto, in quanto se ciò fosse accaduto non saremmo stati noi. Ci sono ancora troppe carenze tecniche, manca troppe volte la lucidità che permetterebbe di ragionare bene o male che sia e c’è ancora poca o nulla comunicazione e intesa. Inoltre ovviamente, visti i risultati ottenuti fino ad oggi, appena subiamo un paio di gol ci blocchiamo. In più non dobbiamo comunque dimenticarci di fare i complimenti agli avversari, che non a caso insidiano i primi posti in classifica. Da qui alla fine del campionato è senza dubbio più importante provare a ripetere la prestazione fatta nel primo tempo. I risultati se arriveranno faranno morale. Servirà la necessaria continuità di impegno soprattutto negli allenamenti per provare a fare qualcosina più avanti.

Si chiude quindi il girone. Abbiamo affrontato tutte le squadre e abbiamo visto che solo in rare circostanze incontriamo avversari che giocano molto meglio di noi. A fare la tanta differenza, come già detto in altre occasioni, a questo punto, è tutto il resto.

Matteo