Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

ORATORIO GIBI – S.ILARIO    0-2

28 febbraio 2015

Dal Vs. inviato.

A ritmo serrato i Leoni del Sant‘Ilario proseguono la sfilza di incontri per terminare il campionato 2014/2015 dopo l‘incredibile (e prevedibile) serie di stop e rinvii durante i mesi di gennaio e febbraio.

Ci aspettano i ragazzi dell‘Oratorio GiBi una posizione sotto di noi in classifica e decisi a ribaltare la netta sconfitta dell‘andata.
Ma i nostri ragazzi allenati dalle ultime 2 partite dimostreranno ben presto che oggi per batterci ci vorrà ben altro che la sola voglia di rivincita.
Campo grande porte basse ed Andrea entra in campo con un gran sorriso. Di gol oggi ne prenderemo pochi questo è sicuro. Si parte, all‘inizio c’è equilibrio, anzi i nostri avversari spingono subito con foga. Ci graziano da distanza ravvicinata in quella che sarà l‘unica palla gol concessa dalla nostra difesa e poi Andrea con una gran parata in tuffo devierà in corner un tiro da fuori area per mettere fine al loro pressing iniziale. Passata la buriana incominciamo a prendere campo ed il possesso del centrocampo. Filippo è un po’ lento nel raggiungere un paio di inviti di Beyene e sfumano le nostre prime palle gol. Insistiamo però ed il centrocampo con Gabry e Olmo è padrone. Il capitano inizia ben presto a scaldare i motori con un siluro da fuori. Palla centrale e bassa che viene parata. Qualche minuto più tardi però ci ritenta, conquista palla in pressing sul settore di destra entra in area e piazza un diagonale di piatto imparabile 1 a 0 e dimostriamo subito che non ci facciamo intimorire.
Neanche il tempo di festeggiare però che succede il fattaccio. Presunto fallo di Beyene in attacco e proteste di quest‘ultimo con l‘arbitro che estrae il cartellino rosso per aver sentito una parolaccia .
Sgomento generale, mancano 30 minuti e siamo in 6 per tutto il resto della partita. La paura di perdere tutto quello di buono fatto è molta ma i leoni oggi non fanno un piega davanti a nulla. Non appena si ricomincia Gabry serve una palla deliziosa a Filippo che questa volta con calma olimpica stoppa di petto e piazza di piatto destro là dove il portiere non ci può arrivare. 2 a 0 e ci crediamo di brutto.
Il Mister visto la fiducia con cui giochiamo fa riposare il capitano e la squadra non arretra di una virgola, tutti danno il massimo: Ale, Moa e Matteo non sbagliano un intervento in difesa neanche a pagarli, Andrea dà sicurezza e Olmo a centrocampo è addirittura commovente. Cristian il nostro folletto malefico appena entra non si smentisce e batte una specie di record per numero di contrasti eseguiti in 5 minuti rompendo le scatole a tutti i portatori di palla avversari. Termina così il primo tempo e siamo in vantaggio per 2 a 0.
Quando inizia il secondo tempo pensiamo che un calo, visto l‘uomo in meno ed il secondo tempo di martedì, sia fisiologico. Ci sbagliavamo alla grande. I ragazzi oggi in difesa non fanno passare una mosca ed Ale è imperioso, più passa il tempo poi e più i nostri avversari tentano con tiri da sempre più lontano di accorciare le distanze. Mossa che non impensierisce minimamente Andrea. In contropiede siamo micidiali e siamo noi a costruire le azioni migliori. Gabry inizia una sorta di battaglia col portiere avversario che gli para tutto. Filippo Stefano ed Eros non riescono a più riprese tramutare in gol le respinte del portiere avversario ed il risultato rimane comunque in bilico.
Nei minuti finali subiamo l‘ultimo disperato assalto dell‘Oratorio GiBi , ma Andrea dice ancora di no su un bolide centrale del capitano avversario e scampato l‘ultimo pericolo finiamo brillantemente in attacco con Olmo che si vede respingere sulla linea, a portiere battuto, un gol che avrebbe ampiamente meritato per quella che è stata la sua miglior partita stagionale, infine Filippo con in sinistro alza il pallone sopra traversa da pochi metri che sembrava impossibile sbagliare.
Dettagli di una prestazione maiuscola, la migliore del 2015.
Al fischio finale sorrisi, abbracci e cotillon.
Si torna alla vittoria dopo 2 pareggi continuando la serie senza sconfitte in campionato arrivata a 9 partite consecutive. Davvero peccato per l‘episodio di Beyene, speriamo che gli serva per evitare reazioni scomposte per le partite future.
Adesso ci attendono le 2 partite finali contro le prime 2 in classifica. Le affrontiamo con la coscienza a posto di aver fatto un gran campionato, ma sappiamo che i leoni a questo punto non si accontenteranno e daranno il massimo per strappare dei risultati positivi anche nelle prossime difficilissime partite.
Forza ragazzi difficile è più bello.

Dal Vs. inviato Claudio Cecere

LA PAGELLA DI ATTILA    

ANDREA:      8 ½ : Prestazione veramente buona quella con l’Oratorio GiBi, para tutto il parabile e finalmente la sua porta rimane inviolata, molto concentrato, deve sempre giocare così.

ALE:              9: Grande partita disputata ad altissimo livello, oggi con Moa finalmente si rivedono i gemelli della difesa che eravamo abituati a vedere, si è ricostruito il MURO.

MOA:             8: Assieme ad Ale forma il MURO difensivo della S. Ilario, solo a pochi minuti dalla fine del secondo tempo viene sostituito dal mister, ed esce stremato .

BEYENE:      5: Fino al 10° minuto del primo tempo ha fatto una partita superlativa mettendo in continua difficoltà gli avversari, poi… un minuto di follia, l’arbitro gli fischia un fallo contro, lui protesta con veemenza indisponendo l’arbitro e, nonostante dalla panchina tutti gli urlavamo di non discutere di stare zitto, lui nell’andare via si fa scappare, a voce un po’ troppo alta, una parolaccia che purtroppo l’arbitro sente e non può fare altro che espellerlo (rosso diretto) come da regolamento.

TEO:              7: Sostituisce egregiamente Moa nel MURO, purtroppo gioca poco ma vista la situazione il Mister ha dovuto far buon viso a cattivo gioco.

OLMO:           8: In questa partita è stato superlativo, la migliore che ha fatto in tutto il campionato, gli è mancato solo il gol, sfiorato in più occasioni.

GABY:           8 ½:  Il CAPITANOOO non fa mancare la sua grinta e determinazione quando viene espulso Beye, si sacrifica correndo anche per lui, coprendo tutte le zone del campo, dalla difesa al centrocampo e in attacco, mettendo più volte in difficoltà il portiere avversario, segna il primo gol e fa l’assist a Filo per il secondo.

FILIPPO:       7: Oggi mette a segno il secondo gol su assist perfetto del capitano subito dopo l’espulsione di Beye, poi ripiomba nel suo solito gorgo e sbaglia almeno altri 2 gol facili.

CHRISTIAN:  7: Il nostro folletto malefico si fa sentire con gli avversari, azzannandogli le caviglie e non lasciandogli il tempo di pensare, pressando e spingendo combattendo su tutti i palloni, sta in campo poco più di 10 minuti ma quando esce è stremato e col fiatone, ma sono sicuro che ha popolato più di un incubo nei nostri avversari.

STEFANO:     6: Ha fatto pochi allenamenti (forse un paio) e si vede, perché ha perso quella sicurezza che aveva acquisito a dicembre.

EROS:            6: Piano piano comincia a essere più sicuro delle sue capacità, ha una buona tecnica ma è troppo timido e non viene fuori nelle partite, deve essere più sicuro e metterci grinta.

MISTER FILIPPO: 9: All’inizio sembrava una partita facile sulla carta visto che all’andata avevamo vinto 8-1 ma il fato ha voluto mettere alla prova la sua professionalità con l’espulsione di Beye e costringendolo a giocare in 6, ma lui non si è fatto prendere dal panico (io sì) e ha impostato la squadra nel classico catenaccio con contropiedi improvvisi, in questo modo riesce a tenere il risultato di 0-2 fino alla fine.

MANUEL:       8: Imprescindibile

ATTILIO:        7: Partita al cardiopalma fino alla fine, se avrò bisogno di un buon cardiologo sarà colpa vostra…

ARBITRO:    5: Ce l’avevano promessa… (speriamo di no)… comunque un po’ troppo severo con noi soprattutto nell’episodio di Beye e troppo indulgente con la squadra di casa, questo ha fatto sì che gli avversari si prendessero qualche libertà di troppo, commettendo falli anche pericolosi, che per un pelo non sono andati a finire male, soprattutto sul CAPITANO.