Tel. 0238003290

parroco@santilariomilano.it

PING PONG…….

Oggi 28/4 sotto un sole quasi estivo presso il campo della Polisportiva OSBER, i nostri ragazzi hanno ottenuto la seconda vittoria nel campionato primaverile. Terreno perfetto, campo di dimensioni un po’ ridotte, cosa che forse ha aiutato la nostra vittoria, i nostri battitori da fondo campo si sono dimostrati più potenti e precisi, insomma …. anche più fortunati, dei battitori avversari, nell’inquadrare con i loro tiri la porta avversaria. Sì, la partita di ping pong …ops….. scusate di calcio, si è giocata più sul “tiro io che tiri tu” dalle aree avversarie, piuttosto che sul gioco del calcio, cosa che avrei preferito.

Ed  ecco la cronaca. Primo tempo: i nostri battitori di area con le rimesse in gioco cominciano a racchettare!!!!…ehm… scusate…. a tirare verso la porta avversari. Dopo i primi tiri di prova cominciano a prendere  le misure e sul… tocca tu che tocco anch’io… le palline….. pardon… la palla comincia a rimbalzare nella rete avversaria. Conclusione della prima frazione: i nostri sono in vantaggio per 0 a 4.

Secondo tempo. Ci rilassiamo come spesso accade e veniamo subito castigati con 2 reti, i battitori avversari sono più precisi, le nostre racchette difensive… cioè volevo dire i nostro pacchetto difensivo… si è fatto sorprendere dai rimbalzi della pallin…!!!…..palla e così concludiamo il tempo incassando 2 reti.

Ultimo tempo: i nostri ragazzi cominciano ad avvertire la fatica e il caldo, e l’essere presenti a ranghi ridotti non ha consentito cambi ristoratori ai nostri giocatori, mentre la squadra avversaria, a pieno organico, ha cominciato a mettere in grande difficoltà la nostra difesa, con qualche racchett…!!!!…… tiro preciso e con azioni arrembanti riuscendo ad infilarci altri due gol. Fortunatamente  ritorna anche la precisione ai nostri battitori che segnano altre 2 reti, ma per una svista dell’arbitro, che comunque ha diretto in modo egregio, ne viene assegnata una sola…  Càpita,  l’episodio comunque non ha influito sul risultato finale.

Comunque sia andata, bravi i nostri ragazzi e bravi i nostri avversari. Unico neo…. alcuni dei miei giocatori si sono lamentati di essere stati offesi con parolacce e di aver ricevuto uno sputo oltre al rifiuto di dare la mano a fine gioco da parte di alcuni avversari. Sono certo che sia stato un episodio dovuto alla frustrazione di aver perso la partita, ogni tanto mi capita di assistere ad episodi simili, ma di solito sono ragazzi di età maggiore, non voglio di certo fare la morale, personalmente e assieme agli altri adulti del nostro Gruppo Sportivo cerchiamo di insegnare ai nostri giocatori il massimo rispetto per gli avversari, sia che si vinca o che si perda. E sono certo che questo sia lo stesso spirito con cui vengono educati i giocatori della società OSBER. Purtroppo i modelli a cui sono sottoposti i nostri bambini in questa società, vedi ciò succede sui campi di gioco delle serie maggiori, dove l’offesa è lo sport preferito sia tra calciatori che degli spettatori,  i dibattiti di sprovveduti in tv che parlano…. urlano… di calcio con improperi, porta i nostri bambini ad avere probabilmente una visione ed un comportamento distorto nel relazionarsi con gli avversari anche dopo una sconfitta. Certo anch’io ho tra i miei giocatori i chiacchieroni di fine gara, ma sono sicuro che con l’impegno profuso dai dirigenti di entrambe le società sia possibile aiutare tutti i nostri  bambini ad entrare nel mondo futuro, dove il rispetto per gli altri sia tra le cose principali a cui attenersi per avere una società migliore……ma…. forse sono un po’ presuntuoso…ed un inguaribile ottimista. Arrivederci  presto a tutti!  GUARDA LE FOTO…

Ciao.      REMO